Agriturismo in Irpinia: tra benessere e relax

Agriturismo in Irpinia

Quando si pensa a trascorrere un momento di relax lontano dallo stress della vita quotidiana, la mente vola immediatamente verso mete esotiche, a base di male, sole e cocktail esotici. Non tutti sanno però che molti turisti scelgono l’Irpinia come meta per le loro vacanze oltre che per la bellezza e la ricchezza di storia dei luoghi anche e soprattutto perché offre un patrimonio enogastronomico di invidiabile valore che può essere scoperto soggiornando in uno dei tanti agriturismi presenti sul territorio.

Degustare formaggi e bere aglianico in un agriturismo in Irpinia

Uno dei patrimoni più importanti è sicuramente l’arte casearia e la realizzazione di formaggi freschi e stagionati di prima scelta. Tra essi alcuni dei più famosi sono il caciocavallo podolico che viene prodotto con il latte delle vacche razza podolica in tutti i periodi dell’anno anche se il periodo migliore per la produzione resta la primavera, questo è un formaggio nobile assai gradevole al palato e che si abbina superbamente con il vino rosso aglianico e i salumi tipici irpini e con i mieli di acacia, castagno e i mieli aromatizzati al tartufo. La stagionatura media di questo formaggio è dai sei ai diciotto mesi a seconda delle preferenze. Ci sono tanti modi di servire e gustare questo formaggio; in molti agriturismi in irpina viene servito accompagnato da confetture, mieli, il classico prosciutto nostrano oppure arrostito alla brace e poi spalmato su una fetta di pane caldo che viene chiamato caciocavallo impiccato per via della modalità con cui si prepara la pietanza.

Altro formaggio nobile è il pecorino bagnolese, che prodotto nei territori di Bagnoli Irpino da il nome a questo prodotto e alla particolare razza ovina che produce un latte dalle proprietà proteiche e organolettiche eccelse. I pascoli sono esclusivamente naturali vista la lontananza dagli insediamenti urbani, pertanto la genuinità di quello che gli animali mangiano e di quello che bevono sono garantiti dalla natura.

Il latte per la produzione di questi formaggi viene lavorato a distanza di poche ore dalla mungitura, il formaggio può esser mangiato fresco dopo qualche giorno tagliato a fette o magari arrostito, oppure essere stagionato dai due ai quattro mesi o secondo i classici metodi di stagionatura o mediante una stagionatura in vinaccia, paglia, crusca, che conferiscono particolari aromi al formaggio stesso. Quando la stagionatura supera i quattro mesi il formaggio inizia a diventare piccante e allora il suo utilizzo è prevalentemente da grattugia. Il pecorino bagnolese viene spesso gustato con confetture di frutta o miele il tutto sempre accompagnato da un immancabile calice di aglianico.

Altro e famosissimo formaggio tipico irpino è il pecorino di Carmasciano che prende il nome da un territorio compreso tra i comuni irpini di Rocca San Felice e Guardia dei Lombardi e Frigento. Questo è un formaggio di assoluta qualità ed eccellenza infatti la produzione è limitata perché non si puntano a raggiungere grandi numeri ma grandi e ineguagliabili sapori. La cosa che rende unica questo formaggio è il pascolo infatti gli ovini si nutrono con queste erbe che dato il microclima e la ricchezza mineraria del terreno conferiscono alle stesse particolari proprietà. Il formaggio viene prodotto in maniera tradizionale, spennellato periodicamente nel periodo di stagionatura con olio extravergine di oliva , vino bianco e aceto che conferiscono allo stesso un particolare aroma. La stagionatura varia a seconda dei gusti. Il periodo minimo di stagionatura è di tre o quattro mesi, il formaggio può essere sia consumato come formaggio da tavola, magari a fine pasto accompagnato da un bel calice di un vino rosso corposo come il taurasi o anche per preparare primi piatti gustosi o condire pietanza per dare quel sapore forte e deciso al tutto.

E’ possibile degustare questo pregevole formaggio in un qualsiasi agriturismo in irpinia e ammirare questo splendido territorio che in tutte le sue bellezze, i suoi sapori, profumi e colori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *