Che cos’è l’infantilismo?

 

Che cos'è l'infantilismoL’infantilismo è quello di giovani, che, raggiunta l’età di 17-18 anni, hanno l’aspetto di giovani di 12 anni, tanto dal punto di vista genitale che della taglia e dello sviluppo psichico. Sembra che questi giovani possano svilupparsi da un momento all’altro e ciò talvolta si verifica. All’origine di questo infantilismo si possono trovare forme poco accentuate di insufficienza ormonale. Spesso si tratta piuttosto di ritardo puberale dovuto ad un disturbo della nutrizione generale: si possono riscontrare tutte le malattie croniche gravi dell’infanzia (tuberculusi, malattie digestive, malattie renali, infezioni prolungate).

Il loro trattamento e la loro guarigione porteranno allo sviluppo sessuale normale. Anche i ritardi di origine familiare sono frequenti e qualche ragazza, come sua madre, potrebbe svilupparsi a 17 anni. Il solo trattamento di queste forme sarà una buona alimentazione equilibrata ed una corretta igiene di vita. I trattamenti ormonali sono qui controindicati.

Due forme un poco particolari sono gli infantilismi con obesità, che possono essere dovuti a sindrome adiposogenitale e gli infantilismi con forte magrezza, che hanno origine sia da una insufficienza ipofisaria che da un semplice rifiuto di nutrirsi (anoressia mentale).

Infantilismi con nanismo

In queste forme si pensa subito all’insufficienza tiroidea. La diagnosi è evidente se si tratta di un mixedema completo con infiltrazione della pelle e grave ritardo intellettuale. Le radiografie degli arti mostrano un ritardo dell’ossificazione. Altre volte sono necessari esami di laboratorio, quali metabolismo basale, studio della fissazione dello iodio radioattivo da parte della ghiandola tiroide. Un trattamento con estratti tiroidei o con tiroxina apporta notevole miglioramento e la pubertà finisce per comparire.

L’infantilonanismo di origine ipofisaria è assai frequente. II quadro può essere assai vicino al precedente o essere quello di un nano armonico, ma l’intelligenza è conservata e talvolta sono possibili gli studi da parte del soggetto. Alcune di queste affezioni possono essere dovute ad un tumore dell’ipolisi, altre ad una infezione cronica del cervello, ma piú spesso non si ritrova alcuna causa netta. In queste forme di impuberismo, conte in tutte quelle dovute ad insufficienza ipofisaria, il trattamento è a base di stimulina ipofisaria e i risultati sono talora eccellenti.

Sindrome di Turner

L’infantilismo dovuto ad interessamento delle ghiandole sessuali realizza la sindrome di Turner. Essa comprende diversi sintomi ed i più frequenti sono:

  1. la piccola statura, nanismo tra 1,35 e 1,45 cm;
  2. assenza di pubertà;
  3. diverse malformazioni: gomito valgo, cioè avambraccio diretto verso l’esterno, tibia concava, nevi pigmentosi, collo Minato (o pterigio del cullo), restringimento dell’aorta alla sua origine.

L’analisi delle cellule mette in evidenza la causa profonda della malattia. Esistono nell’essere umano 46 cromosomi: divisi in 23 paia, 44 sono portatori di caratteri morfolugici e gli altri due sono portatori di caratteri sessuali. Nell’uomo si chiamano X e Y nella donna XX. Nella sindrome di Turner, manca alla donna uno dei cromosomi X e la formula è XO. Questa mancanza corrisponde all’importante diminuzione dei caratteri femminili dell’ammalata e le ovaie sano assenti. Questa malattia si tratta con gli ormoni sessuali che permettono di realizzare una pubertà artificiale, che si mantiene finché dura il trattamento.

Gli infantilismi con statura normale o eccessiva

Se la pubertà non si produce, la crescita non ne è per nulla impedita. Al contrario, le cartilagini di coniugazione restano aperte e il soggetto continua ad allungarsi anche dopo l’età normale, soprattutto nelle gambe. Tale è l’aspetto dei fanciulli castrati prima della pubertà. Così si parla di stati eunucoidi se l’origine di questi stati è l’affezione primitiva delle ghiandole sessuali (distrutte da una malattia); gli ormoni ipofisari, in questi casi, benché prodotti in eccesso, sono inefficaci.

Ma questo eunucoidismo può essere dovuto ad una affezione ipofisaria sia per insufficienza, se la statura è normale, sia per tumore, se l’infantilismo si associa con gigantismo. Noi ritroveremo una parte di queste affezioni nelle malattie dell’apparato genitale maschile. Percorriamo ora rapidamente i principali casi d’impuberismo. In realtà si tratta molto spesso di ritardi puberali.

Questi ritardi talvolta beneficiano di un trattamento con ormoni ipofisari. Ma gli ormoni sessuali sono del tutto controindicati come dimostra l’osservazione seguente: due gemelli veri presentavano un infantilismo identico con statura di 149 cm. Uno dei due, trattato con testosterone, ebbe una spinta di accrescimento rapido, subito seguito da pubertà, ma s’arrestò presto a 1,60 cm. L’altro, non trattato, ebbe spontaneamente la sua spinta di accrescimento, poi la pubertà con un ritardo di 18 mesi, ma raggiunse i 168 cm. Non bisogna dunque utilizzare trattamenti ormonali che possono essere pericolosi; e ciò vale per tutte le malattie. Gli ormoni sono medicamenti da usare con molta prudenza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *