Che cos’è l’innesto osseo?

Che cos'è l'innesto osseo?

Cosa succede se l’osso non è abbastanza spesso da supportare l’impianto dentale? Capita molto spesso che l’osso si riduca dopo la rimozione o la perdita dei denti, ma esistono delle procedure da applicare in questi casi.

Nella mascella superiore, al di sopra dei denti posteriori è possibile aumentare l’altezza dell’osso disponibile creando un nuovo osso. Questa procedura è chiamata ‘rialzo del seno mascellare‘. Un chirurgo esperto può facilmente mettere in pratica questa tecnica, senza cui molti pazienti potrebbero non essere in grado di usufruire di impianti in una parte della bocca dove i denti sono mancanti.

Ci sono molti modi per aggiungere l’osso: uno dei più semplici è quello di prelevare una parte di osso da un’altra parte del corpo, assicurandolo come un ‘innesto onlay’ in una zona mancante. Il nuovo pezzo di osso si unirà lentamente alla regione sottostante e quando sarà guarito, l’impianto potrà essere posizionato in una posizione più sicura.

Da dove è possibile prelevare una parte di osso?

L’osso può essere prelevato da più parti, ma di solito si opta per la zona dietro i denti posteriori nella mascella inferiore o dal mento. A volte viene preso dall’anca o dalla tibia. Quando si utilizza il proprio osso per creare un nuovo osso in un’altra zona della bocca, è probabile che si dovrà combattere con il disagio creato nel sito del prelievo osseo e nel sito in cui avviene l’operazione chirurgica.

Alternative per l’innesto osseo

Per coloro che preferiscono una soluzione più facile ma leggermente più lenta, esistono altre fonti come quelle animali oppure fonti sintetiche, quindi realizzati appositamente perché l’utilizzo possa essere sicuro sugli esseri umani. Tutti questi materiali, compreso il vostro osso, forniscono semplicemente un’impalcatura in cui crescerà un nuovo osso, finché non sarete finalmente pronti per il vostro impianto dentale.

Il nuovo osso può avere bisogno di un po’ di tempo per crescere, generalmente ci vorranno da 3 a 12 mesi prima che sia pronto a ricevere impianti dentali. Non abbiate fretta, è sempre meglio attendere un po’ di più per avere un risultato finale migliore.

Ogni chirurgo avrà un suo modo per la creazione del nuovo osso. Molti di loro utilizzeranno anche una tecnica supplementare chiamata “rigenerazione dei tessuti molli“.

L’innesto osseo influenza la durata del trattamento?

Se avrete bisogno dell’innesto osseo, la durata del trattamento sarà sicuramente più lunga, ma, quando applicata con successo, migliorerà notevolmente l’esito del trattamento. Quando viene utilizzato nella parte anteriore della bocca può anche consentire all’estetica di migliorare.

L’innesto osseo richiede un livello di competenza molto alto e questa operazione è spesso più complessa da eseguire rispetto al posizionamento dell’impianto stesso.

In determinate situazioni, alcuni operatori consigliano di combinare il posizionamento dell’impianto con l’innesto osseo e allo stesso tempo il posizionamento di una membrana barriera. Ciò riduce notevolmente i tempi del trattamento e può produrre risultati difficili da raggiungere in qualsiasi altro modo. Tuttavia, molti chirurghi preferiscono ancora effettuare l’innesto osseo prima dell’operazione più importante, in modo che gli impianti si posizionino solo quando l’innesto osseo ha avuto successo.

Qualunque sia il metodo scelto per migliorare la quantità dell’osso, varrà la pena spendere tempo, sforzo e denaro, per raggiungere un risultato finale migliore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *