Come funzionano i reni

Come funzionano i reni

La funzione principale del tratto urinario umano è l’eliminazione dal sangue del sottoprodotti del metabolismo dei cibi. Il processo comprende diversi elementi chiave. Generalmente, si affida a un sistema composto dai due reni, i due ureteri, la vescica, i due sfinteri muscolari (uno interno e uno esterno) e l’uretra, che agiscono in collaborazione con gli intestini, i polmoni e la pelle, tutti organi escretori dei prodotti di scarto. L’arteria addominale é un importante vaso facente parte dei sistema, che alimenta l’arteria e la vena renali e rifornisce di sangue i reni, i quali lo filtrano per rimuovere le sostanze di rifiuto come l’urea formatasi in seguito al metabolismo degli amminoacidi.

Grazie alla comunicazione con altre parti del corpo, per esempio l’ipotalamo, i reni controllano anche i livelli Idrici dell’organismo, la concentrazione di sodio, potassio e altri elettroliti, la pressione sanguigna, il pH ematico, partecipando inoltre alla produzione di eritrociti attraverso la creazione e il rilascio dell’ormone eritropoietina. Di conseguenza, giocano un ruolo fondamentale per il buon funzionamento del corpo umano. Dopo l’emofiltrazione a opera dei reni, i prodotti di scarto vengono sospinti verso il basso e dagli ureteri raggiungono la vescica. Le sue pareti si espandono per trattenere l’urina finché non sarà possibile espellerla dal corpo, attraverso l’uretra. Gli sfinteri interno ed esterno regolano allora il rilascio del liquido. Generalmente, un essere umano produce circa 2,5-3 litri di urina al giorno, anche se questo dato é fortemente influenzato da lettori esterni come il consumo di acqua.

Come funzionano i reni?

I reni devono filtrare ogni giorno circa 150-280 litri di sangue, ma inviano soltanto due litri circa di liquidi dl scarto agli ureteri e di qui alla vescica per l’escrezione. Di conseguenza, ritornano gran pane del sangue, sottratti i prodotti escreti, al cuore, per la relativa riossigenazione e rimessa in circolo. La filtrazione rettale avviene attraverso una piccola unità funzionale detta netrone. Ciascun organo ne possiede circa un milione, caratterizzato da una fitta rete di minuscoli capillari e da un tubicino detto tubulo renale. I capillari vagliano le cellule e le proteine del sangue e le rimettono in circolo, separando invece i prodotti di scarto, convogliati nel tubulo renale. I rifiuti, costituiti principalmente da urea, vengono miscelati ad acqua e formano l’urina, che scende attraverso il tubulo renale nell’uretere, raggiungendo infine la vescica.

L’apparato urinario è così composto

  • Reni. E’ qui che vengono filtrati i liquidi e che i principi nutritivi vengono assorbiti prima del passaggio dell’urina negli ureteri
  • Uretere. Tubicini che collegano i reni alla vescica
  • Vena cava inferiore. Arteria che rifornisce di sangue i reni, attraversi la vena e l’arteria renali. Il sangue viene poi ripulito dai reni.
  • Vescica. E’ qui che si raccoglie l’urina dopo il passaggio dai reni agli ureteri.
  • Arteria e vena renali. Riforniscono di sangue i reni per consentirne il funzionamento, e raccolgono il sangue deossigenato in uscita dai reni
  • Pelvi. La vescica fa parte dei visceri pelvici ed è attraversata dall’uretra che consente il deflusso dell’urina
  • Uretra. L’uretra è una struttura tubolare percorsa dall’urina in uscita dall’organismo.

Perchè ci viene sete?

E’ molto importante mantenere l’equilibrio tra sali, sostanze minerali e acqua all’interno del nostro organismo. Se questo viene a mancare, il corpo ci dice di consumare più liquidi, per recuperare l’efficienza perduta. Questo stimolo, detto sete, può essere indotto da una concentrazione troppo elevata di sali o da un volume corporeo di acqua troppo basso per garantire un buon funzionamento dell’organismo. Evitare la disidratazione è importante, perchè a lungo termine, questa può determinare insufficienza renale e altre patologie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *