Costi del fumo e articoli per fumatori online

Il fumo da sigaretta è una delle più importanti cause prevedibili di morte e di malattia grave nel mondo. È responsabile di almeno 400 mila decessi ogni anno negli Stati Uniti, circa 100.000 nel Regno Unito, almeno 80.000 in Italia e quasi 5 milioni nel mondo. Sono numeri che rendono ben chiaro il motivo per cui tutti i governi e le associazioni di medici e ricercatori siano impegnati nell’opera di prevenzione, che incorpora anche la richiesta di specifici divieti contro il fumo passivo. Nei paesi industrializzati il fumo rappresenta il 12% di morti assolutamente evitabili. Chi non riesce a smettere ha una vita media più corta di 20 anni rispetto a chi non fuma; chi fuma mediamente 20 sigarette al giorno, cioè un pacchetto intero, muore 10 anni prima e passa più della sua vita affetto da importanti disabilità e malattie rispetto a chi non fuma. Alcune persone pretendono che il fumo sia una scelta di vita: che sia un modo per esprimere ribellione al sistema e lo elevano a filosofia personale, come quella di mangiare sregolati e non fare esercizio fisico. In rete esistono molte informazioni su come smettere di fumare, ma anche molti siti che vendono accessori per fumatori, articoli per tabaccai e ingrossi per tabaccherie.

Dipendenza da nicotina

Oggi c’è un grande consenso oggi sul fatto di considerare il problema del fumo come un tipo di dipendenza da nicotina e che ciò comporti una serie di problemi relativi al mondo delle dipendenze. L’aver considerato il fumo come una dipendenza ha permesso alle strutture sanitarie e agli organismi preposti a porre l’attenzione su questo problema, fornendo supporto psicologico ai fumatori che vogliono smettere di fumare, facendo leva sulla dipendenza, fornire loro un trattamento particolare che si basa sulla privazione o la sostituzione della nicotina. Anche se questi interventi aiutano solo una minoranza dei fumatori, sono poco costosi rispetto ad altri trattamenti medici, e i benefici per la salute, una volta che si smette di fumare, sono considerevoli.

Quanto costa smettere di fumare

I costi per i sistemi sanitari sono tali che questi interventi sono considerati tra i più efficienti. Uno studio rivela che smettere di fumare mediamente ha un costo: potrebbe anche variare tra i 1000 e i 2000 euro per chi non riesce a farcela da solo. Il miglior modo per smettere è quello di agire su sé stessi sfruttando la grande capacità plastica del cervello di riscriversi: dato che il problema è la dipendenza bisogna agire su di essa, togliendo al cervello lo stimolo che ci induce al consumo di nicotina. Ma se anche non riuscissimo a far leva su noi stessi e decidessimo di far ricorso alla spesa di 1500 euro per smettere sarebbero comunque soldi ben spesi: i farmaci che abbassano il colesterolo, impiegati per anni e anni, hanno un costo di 15.000 euro. Un intervento di bypass coronarico costa alla sanità pubblica qualcosa come 50.000 euro per una vita salvata. Il fumo alla fine comporta spese superiori ed evitabili. Tutti devono fare un’opera di informazione: istruendo sui pericoli del fumo nel medio lungo termine; quali sono i benefici a lungo e medio termine; quali sono quelli a breve termine; quali sono i trattamenti ideali e meno costosi per smettere di fumare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *