La struttura cellulare in dettaglio

La struttura cellulare

Nel corpo umano ci sono circa 75 milioni di cellule. Ma cosa sono e come funzionano? Le cellule sono vita, le cellule sono vive siamo qui perché ogni cellula del nostro corpo svolge una funzione specifica e un compito estremamente specializzato. Esistono molti diversi tipi di cellule, tutte al lavoro per mantenere operativi i vari apparati dell’organismo. Una cellula è la più piccola unita di materiale, vivo evitale, all’interno del corpo. Quando si raggruppano in strati o in agglomerati, però, le cellule con empiti analoghi si trasformano in tessuto, per esempio epitelia le o muscolare. Per garantire l’attività di tutte queste cellule, in ogni istante si verificano migliaia di reazioni chimiche. Tutte le cellule animali contengono un nucleo, che funge da centrale di comando, impartisce ordini e contiene le informazioni genetiche cellulari, sempre in circolazione e trattenuta da una sottile membrana esterna, composta da due strati. All’interno del citoplasma è presente una varietà di strutture, chiamate organetti, ognuna con compiti diversi, tra i quali la sintesi delle proteine, le sostanze chimiche di base delle cellule. Tra i principali organetti troviamo i dimorai: queste strutture sono presenti in gran numero, immerse nel citoplasma o fissate alle membrane interne, e sono responsabili della produzione di proteine a partire da amminoacidi. A loro volta, le proteine sono essenziali per la costruzione delle cellule e l’esecuzione delle reazioni biochimiche necessarie per la crescita, lo sviluppo e anche la riparazione e la correzione delle alterazioni subite dall’organismo.

Tipologie di cellule

Al momento, si conoscono circa 200 diverse tipologie cellulari, tutte con funzionalità molto specifiche. Vediamo quali sono e che cosa fanno…
CELLULE NERVOSE

Le cellule del cervello e del sistema nervoso sono le cellule nervose o neuroni, che scambiano impulsi elettrici attraverso lunghi filamenti chiamati assoni. Per superare le giunzioni cellulari (sinapsi), i segnali elettrici vengono convertili in segnali chimici. le cellulle nervose consentono di percepire sensazioni, per esempio dolorose, e anche di compiere movimenti.

CELLULE OSSEE

Le cellule che compongono (la matrice rosea struttura rigida che rende le ossa resistenti) sono di tre diversi tipi. La nostra massa ossea si trasforma e si ricostituisce continuamente,e ciascuna delle tre tipologie di cellule ossee ha un ruolo in questo processo. Innanzitutto, gli osteoblasti, provenienti dal midollo osseo, producono la massa e la struttura ossea. Queste cellule poi vengono inglobate dalla matrice trasformandosi in osteociti,che costituiscono il 90 per cento circa delle cellule dello scheletro e sono responsabili del mantenimento della massa ossea. Infine, se gli osteoblasti accrescono il tessuto osseo, gli osteoclasti sono invece cellule deputate alla riduzione della consistenza osseo e alla degradazione della massa.

CELLULE FOTORECETTRICI

I coni e  i bastoncelli piedi posti sulla retina, nella parte posteriore dell’occhio, sono noti come cellule fotorecettrici. Contengono pigmenti fotosensibili che convertono le immagini percepite dall’occhio in segnali nervosi, poi interpretati dal cervello. I bastoncelli consentono di percepire luce, buio e movimento, mentre i coni distinguono o colori.

CELLULE EPATICHE

Le cellule del fegato sono responsabili della regolazione della composizione ematica. Sono queste cellule a filtrare le tossine e a tenere sotto controllo i livelli di grassi, zuccheri e amminoacidi. Per l’80% circa, la massa epatica è composta da epatociti, cellule specializzate coinvolte nella produzione di proteine e di bile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *