Le proprietà del magnesio

Le proprietà del magnesio

Il magnesio costituisce un elemento minerale indispensabile alla vita degli esseri viventi. La sua importanza sta nel metabolismo minerale, nel funzionamento e nell’equilibrio cellulare. Il fabbisogno in magnesio è assai scarso; tuttavia occorre che sia apportato dagli alimenti vegetali, cresciuti in terreno contenente magnesio.

Da tempo un considerevole numero di studi è stato dedicato al magnesio. Biologi, chimici e medici hanno fornito importanti prove scientifiche su questo elemento misconosciuto sotto l’aspetto attivo, circolante nell’ambiente ormonale. La percentuale di magnesio contenuta nel sangue oscilla da 22 a 30 milligrammi per litro, mentre il bisogno dell’organismo per 24 ore è valutato in 250 milligrammi. Questo fabbisogno, relativamente minimo, è coperto dal magnesio contenuto nei cibi e nell’acqua da bere. L’eliminazione del magnesio avviene mediante i reni molto lentamente, infatti iniettato per iniezione richiede 10 giorni per essere eliminato con le urine.

Il magnesio e i nostri tessuti

È stato dimostrato che i tessuti contengono piú magnesio che calcio, essendo il primo estremamente attivo nel ricambio cellulare, apportandovi fermenti vitali come la fosfatasi, la carbossilasi, senza le quali la cellula non potrebbe compiere il suo ruolo dinamico. Il magnesio, come il calcio, il sodio, il potassio, esiste nella forma libera, come minerale, durante tutto il suo passaggio attraverso l’organismo.

Magnesio e nutrizione

Il compito del magnesio nella nutrizione è stato convalidato anche da questa esperienza: se ai topi si dà un’alimentazione priva di magnesio, subito compaiono manifestazioni di grande eccitabilità nervosa con tendenza a convulsioni, quindi stato di debolezza cardiaca e poi morte. Se invece all’animale viene dato in tempo qualche milligrammo di magnesio, si evita la morte. Quando si mantiene una quantità insufficiente di magnesio, tuttavia compatibile con la vita, si nota l’apparire di segni di decalcificazione in tutto lo scheletro. Questo stato tuttavia non è simile al rachitismo, in cui le ossa sono ricche di magnesio e povere di calcio. Per tutto ciò il compito del magnesio nella nutrizione e nell’equilibrio cellulare sarebbe il piú importante poiché consente i fenomeni vitali.

Le carenze di magnesio

Possono interessare soprattutto la pelle, il sistema pigmentario pilifero e il sistema nervoso.

a) La pelle e il magnesio – Autori americani dosando le quantità di magnesio contenuto nella pelle quando è attaccata da turbe nervose hanno scoperto una notevole diminuzione di esso in questi casi.

Sembra per di più che molte reazioni cutanee (verruche, manifestazioni ipertrofiche o papilloni, secchezza della pelle ecc.) siano dovute a disturbi del metabolismo minerale interessante il calcio, il fosforo, il magnesio e anche molte vitamine (A, D, C, PP). Non si può tuttavia parlare di ruolo esclusivo del magnesio e pertanto far prendere al paziente, come è abituale in questi casi, quantità notevoli di questo minerale.

b) La pigmentazione e il magnesio – Studi sui sali alogenati di magnesio hanno sottolineato l’azione di questo minerale sulla crescita delle unghie nonchè i suoi effetti sulla pigmentazione dei peli e sulla sparizione delle macchie cutanee.

c) Il sistema nervoso e il magnesio – Sappiamo che la sostanza cerebrale contiene una rilevante quantità di magnesio. alcuni medici raccomandano il magnesio negli stati di depressione, di grave astenia, di neurastenia, ma in realtà i risultati non sono molto apprezzabili anche se i sali di magnesio possono considerarsi come tonici della cellula nervosa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *