Pietre preziose: quando il diamante è per sempre

Quando si vuole far breccia nel cuore di qualcuno, non c’è niente di meglio che regalare un gioiello importante magari in cui delle pietre preziose siano incastonate a esaltarne ancora di più il pregio e la bellezza.

Passione per le pietre preziose

Da sempre tutti gli uomini sanno che per fare felici le fidanzate più esigenti non c’è gioiello che tenga di fronte all’incanto di una delle pietre preziose più amate dalle donne che alcune hanno definito i migliori amici di una donna ovvero i diamanti. Si dice che un diamante è per sempre, per questo la maggior parte delle donne innamorate non aspetta altro che un gioiello con incastonato un diamante anche di piccola fattura come pegno dell’amore del proprio futuro marito: e se non esistesse solo il diamante a poter rappresentare l’amore di una coppia?

Per vivere al meglio la passione dei primi anni, ma anche per ricordare in seguito questo sentimento profondo che nel tempo di trasformerà, tradizione vuole che il ragazzo opti per un solitario, un anello in oro e diamanti magari a forma di cuore oppure si può decidere di scegliere un diamante dall’aspetto e dal carattere più audace ed esclusivo come il diamante nero. Non solo diamanti però: ci sono pietre preziose come la petalite o il quarzo che allo stesso modo del diamante, sprigionano una luce tutta loro e del tutto simile.

Anche se è vero che per non discostarsi troppo dall’aspetto e dalla lucentezza del diamante altre sarebbero le pietre preziose da scegliere, c’è chi più temerario di altri, decide per una pietra colorata: cosa c’è di meglio, quindi, di un anello a taglio cuore con un bel rubino rosso a indicare proprio la passione e l’amore che travolgono la coppia in questione? Attenzione però che il rubino va sempre accoppiato con l’argento o l’oro bianco al massimo, se invece alla vostra fidanzata piace in particolar modo l’oro giallo, e volete scegliere una pietra colorata, allora perché non propendere per un bello smeraldo? Dal colore verde segno della speranza che si prova nell’ottenere la risposta positiva alla fatidica domanda.

Elementi di riconoscimento

In realtà, per riuscire a non incappare in venditori poco seri di pietre preziose, è decisamente preferibile riuscire a capirne un po’ di questo settore, in particolar modo a riconoscere la qualità delle pietre e magari anche il lor effettivo valore. Insomma, poiché la prudenza non è mai troppa, non sarebbe male imparare a riconoscere una pietra falsa da una autentica. Per scegliere quindi nel migliore dei modi i gioielli che hanno pietre preziose è consigliabile prestare molta attenzione al colore della pietra da cui, praticamente, viene stabilito almeno la metà del suo valore (se si desidera un approfondimento on line, consigliamo il sito internet mypietrepreziose.com). In genere, la regola è che la pietra non debba essere né troppo chiara né troppo scura perché le pietre preziose autentiche si presentano con una tonalità di colore molto equilibrata e armoniosa.

Il colore di una pietra autentica, infatti, è sempre omogeneo ed è visibile in tutto il suo splendore da qualsiasi angolo si veda la gemma, poiché nessuna zona della pietra dovrebbe presentare delle zone d’ombra o al contrario delle zone più chiare. Alcune pietre preziose come lo zaffiro blu kashmir o il rosso rubino più noto come sangue di piccione, si caratterizzano per i loro colori notevolmente brillanti e carichi, ma non per tutte le gemme vale la regola della tonalità corposa. Per esempio per il peridoto la tonalità di colore ideale dovrebbe essere il verde lime, magari con sfumature di giallo leggero in modo da renderlo luminoso e chiaro, mentre lo smeraldo dovrebbe presentare un colore intenso con sfumature di blu o giallo e se, per esempio, il coloro è troppo chiaro la gemma sarà valutata di meno ed è meglio saperlo prima da soli cosa aspettarsi da una possibile valutazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *