Quale è il miglior orario per correre

Qual'è il miglior orario per correre

Desiderosi di tornare alla forma sfavillante di un tempo, decidiamo infine di compiere il grande passo: iniziare a correre. Si, ma quando farlo per ottimizzare i risultati?

Quale è il miglior orario per correre

Siete dei sedentari cronici, ma l’ampiezza ormai preoccupante del vostro girovita vi ha convinto ad iniziare una qualche attività sportiva? La corsa costituisce l’attività ideale per perdere peso, ma avere voglia di allenarsi e comprarsi le apposite scarpette nuove non basta. Infatti, sapete per caso quale è il miglior orario per correre? Privi di questa informazione rischierete di fare molta più fatica a dimagrire, rispetto a chi invece conosce questi appositi trucchi del mestiere. Dunque, vi diciamo subito che in realtà non esiste il miglior orario per correre. O meglio, l’ideale sarebbe riuscire ad effettuare almeno 40 minuti di corsa la mattina a digiuno, per poi rimandare la colazione ad almeno un’ora dopo la cessazione dell’attività: questo permette di bruciare molti più grassi rispetto allo stesso allenamento effettuato un paio d’ore dopo il pranzo o la colazione. Ora, capite da soli che noi possiamo anche dirvi che il miglior orario per correre è questo (ed è la verità), però dal punto di vista logistico ci rendiamo conto come non sia affatto semplice conciliare una normale vita lavorativa con questa tipologia di allenamento, fosse anche solo per i tempi. Se avete la fortuna di vivere in una zona verde effettivamente si tratterebbe solo di fare una levataccia almeno tre volte a settimana, ma se invece siamo abituati a correre in palestra sul tapis roulant la cosa si fa inevitabilmente molto più complicata.

Il digiuno conta, ma non solo

Esistono degli accorgimenti che possiamo adottare per riuscire comunque a ottenere il massimo dai nostri allenamenti? Si, ed è la seconda parte della risposta alla domanda “quale è il miglior orario per correre”. Facciamo finta che per motivi di lavoro – o di pigrizia – non ci sia possibile andare a fare jogging all’alba appena svegli, dunque, che fare? In realtà è possibile ribaltare la situazione, andando a correre la sera, alla fine della giornata. Quello che infatti conta per determinare il miglior orario per correre sono le ore di digiuno che sono passate dall’ultimo pasto: oltre infatti a bruciare in percentuale una quantità maggiore di grasso, il metabolismo si innalzerà e resterà alto per parecchie ore dopo la fine della corsa. Di conseguenza, se si inizia a correre la sera, ci si prepari: sicuramente non riuscirete a dormire per qualche ora dopo l’allenamento, data tutta l’adrenalina che avrete in circolo. E se non è possibile per voi correre né la mattina né la sera? In questo caso la vostra redazione consiglia di farvi furbi con i pasti: cercate di mangiare pochi carboidrati complessi prima dello sforzo e poi, dopo, ingerire piatti a prevalente componente proteica. In questo modo avremo il giusto quantitativo di energia per correre almeno un’oretta ad un buon ritmo e successivamente non vanificheremo la corsa appena fatta rimpinzandoci di controproducenti carboidrati semplici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *